LINKS

Cromohs


Cyber Review of Modern Historiography, rivista elettronica di storiografia moderna


Giunta storica nazionale


L' organismo nazionale che coordina l'attività degli istituti e degli enti di ricerca storica italiani.


Clioh-world


Nato dall'evoluzione di precedenti progetti (Clioh, Cliohnet, Cliohnet2, Cliohres), è un progetto a lasrga scala realizzato da una rete di centri di ricerca europei della rete ETCS e finalizzato all'innovazione nello studio e nell'insegnamento della storia in Europa


>> Altri Links

<< indietro

Dettagli Maria Pia Paoli

Dati Personali
Nome e cognome: Maria Pia Paoli
Data nascita: 14/05/1952
Email: mariapia.paoli@tin.it
Indirizzo di lavoro: Scuola Normale Superiore Piazza dei Cavalieri n. 7 - 56100 Pisa
Posizione lavorativa: ricercatore

Università
Scuola Normale Superiore di PISA


Pubblicazioni

Principali pubblicazioni


1. La comunità di Bagno di Romagna, tra Cinque e Settecento. Problemi e metodi di ricerca in La Val di Bagno in età medioevale e moderna, Centro di Studi storici, Bagno di Romagna, 1991, pp. 127-198.

2. Istituzioni giudiziarie e società in «Ricerche storiche», XXII, 1992, pp. 141-146.

3. Le ragioni del Principe e i dubbi della coscienza. Aspetti e problemi della politica ecclesiastica di Cosimo III de’ Medici, in La Toscana di Cosimo III, Firenze Edifir, 1993, pp. 497-519;

4. Esperienze religiose e poesia nella Firenze del 600: attorno ad alcuni sonetti “quietisti” di Vincendo da Filicaia, in «Rivista di Storia e letteratura religiosa», 1993, pp. 35-78;

5. «Nuovi vescovi per l’antica città»: per una storia della chiesa fiorentina tra Cinque e seicento, in Istituzioni e società in Toscana nell’età moderna, Firenze, Edifir 1994, vol. II, pp. 748-786;

6. A proposito di composite repubbliche: poteri e giustizia nella Valtiberina al tempo di Lorenzo il Magnifico, in La Val Tiberina, Lorenzo e i Medici, Firenze, Olschki, 1995, pp. 19-50;

7. Antonio Ferri (1655-1728) in Dizionario biografico degli Italiani, Istituto dell’Enciclopedia italiana fondata da Giovanni Treccani, Roma 1997, vol. 47, pp.115-117;

8. Filicaia Vincenzo (1642-1707) , ivi, pp.658-660;

9. Fiorentini Francesco Maria (1603-1673), ivi, vol.48, pp. 145-148;

10. Gagliano Pier Francesco da (1484-1559), ivi, vol. 51, Roma,1998, pp.255-258;

11. Galantini Ippolito, ivi, pp. 344-347

12. «Come se mi fosse sorella». Maria Selvaggia Borghini nella Repubblica delle lettere, in Per lettera. La scrittura epistolare femminile tra archivio e tipografia a cura di Gabriella Zarri, Roma, Viella 1999, pp. 491-534;

13. S .Antonino «vere pastor ac bonus pastor»: storia e mito di un modello, in Verso Savonarola. Misticismo, profezia, empiti riformistici fra Medioevo ed Età moderna, a cura di G. Garfagnini e G. Picone, Firenze, SISMEL, Edizioni del Galluzzo 1999, pp. 83- 139.

14. I luoghi dell’istruzione in Storia della civiltà toscana, IV, L’età dei lumi, a cura di Furio Diaz, Le Monnier, Firenze 1999, pp. 221-244

15. La teologia e la storia sacra, in Storia dellUniversità di Pisa (1737- 1861), a cura della Commissione Rettorale per la Storia dell’Università di Pisa, Pisa, PLUS, 2000, pp. 1-43.

16. Gian Gastone de’ Medici in Dizionario Biografico degli Italiani, vol.54, Roma 2000, pp.397-407.

17. Giglioli Alfonso, ivi, pp. 700-703

18. La donna e il melograno: biografie di Matilde di Canossa (secoli XVI- XVII), in Alle origini della biografia femminile. Dal modello alla storia, Atti del convegno internazionale di studio, Firenze 11-12 giugno 1999, a cura di C. BRICE (Ecole française de Rome) e G. ZARRI (Università di Firenze) , in «Mélanges de l' École française de Rome», MEFRIM, tome 113, 2001, pp. 173-215

19. Filotea e le «gelosie dei direttori: alcune note sull'«illusione perpetua» di Francois Malaval (1627-1719) nella sua eco italiana, in Direzione spirituale tra ortodossia ed eresia. Dalle scuole filosofiche antiche al Novecento. a cura di M. Catto, I. Gagliardi, R.M.. Parrinello, Brescia, Morcelliana 2002, pp. 281-320;

20. Nell'Italia delle «vergini belle»: a proposito di Chiara Matraini e di pietà mariana nella Lucca di fine Cinquecento in Religione, cultura e politica nell’ Europa dell’ età moderna. Studi offerti a Mario Rosa dagli amici, a cura di C. Ossola, M. Verga, M. A. Visceglia, Firenze, Olschki 2003, pp. 521-545;

21. Percorsi e luoghi del sapere: scuole di comunità, collegi, università, accademie, in Storia della civiltà toscana, vol. III, Il Principato mediceo, a cura di E. Fasano Guarini, Firenze, Le Monnier, 2003, pp. 277-310;

22. Lami Giovanni in Dizionario Biografico degli Italiani, vol 63, Istituto dell’Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani, Roma 2004, pp. 226-233;

23. Lastri Marco, ivi, pp. 810-813.

24. Jean Boutier- M. P. Paoli, Letterati cittadini e principi filosofi. I milieu intellettuali fiorentini tra Cinque e Settecento, in Naples, Rome, Florence. Une histoire comparée des milieux intellectuels italiens (XVII-XVIIIesiècles), Rome, École française de Rome 2005, pp.331- 403

25. M. P. Paoli, Anton Maria Salvini (1653-1729). Ritratto di un letterato fiorentino nella Firenze di fine Seicento, ivi, pp. 501-544.

26. Lorenzi RomoloO.S.M.(1488-1544), in Dizionario biografico degli italiani, vol. 66, Istituto dell’Encoclopedia italiana fondata da Giovanni Treccani, Roma 2006, pp. 23-25.

27. Lotti Ottaviano (1575-1634), ivi, pp. 192-195

28. Maffei Marco O.P. (1542-1616), ivi, vol. 67, Roma 2006, pp. 241- 243

29 (…) Mi scriva caro professore”. Prime note sull’epistolario di Michele Rosi (1864-1934) in Culture e libertà. Studi di storia in onore di Roberto Vivarelli, a cura di D. Menozzi, M. Moretti, R. Pertici, Edizioni della Normale, Scuola Normale Superiore di Pisa 2006, pp.189-238.

30. Antonino da Firenze O.P. e la direzione dei laici, in Storia della direzione spirituale, III, L’età moderna, a cura di G. Zarri, Morcelliana, Brescia (in corso di stampa)

31. Di madre in figlio: le donne Medici e l’educazione a corte (secoli XV-XVII) (di prossima pubblicazione sulla rivista “Annali di storia di Firenze” e sul sito www.storiadifirenze.org)

32. Introduzione e note al carteggio:Benedetto XIV-Ludovico Antonio Muratori, Edizione Nazionale del Carteggio di Ludovico Antonio Muratori, (di prossima pubblicazione presso l’editore L.S.Olschki)



Curriculum

Formazione e attività didattica:

Maria Pia Paoli si è laureata all’Università degli Studi di Firenze, Facoltà di Lettere, il 23 aprile 1976, con una tesi in storia moderna, relatore prof. Rosario Villari. Il tema della tesi dal titolo Per una biografia di Marco Lastri (1731-1811), condotta su materiali inediti, affrontava, attraverso la biografia del proposto fiorentino Marco Antonio Lastri, gli aspetti della vita culturale e politico-sociale della Toscana Lorenese attorno ai centrali e più generali dibattiti sul riformismo economico e religioso dell’epoca di Pietro Leopoldo.
Nel 1977-78 ha conseguito presso la Scuola Normale Superiore di Pisa la borsa di studio per gli studi storici intitolata a Delio Cantimori e nel 1978-79 ha vinto un posto di perfezionamento in storia moderna presso la Scuola Normale.
Tra il 1978 e il 1980 ha compiuto un soggiorno di studio negli U.S.A, facendo ricerche sui testi dei riformatori e fisiocratici italiani, francesi e inglesi del Settecento nei ricchi fondi della biblioteca della School of Economics di Cambridge (Massachusetts).
Nel 1982 ha trascorso un periodo di studio a Parigi, frequentando i seminari di Storia moderna coordinati dal prof. Maurice Aymard all’ École Pratique des Hautes Etudes e compiendo ricerche sul tema dell’ideologia nobiliare in antico regime attraverso i manoscritti ed i testi conservati alla Biblioteca Nazionale di Parigi. Contemporaneamnte ha compiuto studi sulla storiografia francese del Novecento alla biblioteca della Maison des Sciences de l’homme di Parigi poi sfociati in una serie di lezioni seminariali fatte nell’ambito del corso tenuto dal prof. Furio Diaz e in una pubblicazione sui rapporti tra la politologia, la storia delle relazioni internazionali e la storia politica in Francia negli anni tra le due guerre mondiali (M.P. Paoli, 1986).
Nel 1982-1983 ha seguito un corso libero di storia e politiche delle relazioni internazionali moderne e contemporanee coordinato dal prof. Antonio Cassese presso la Facoltà di Scienze Politiche di Firenze.
Dal 1981 è in ruolo come ricercatore confermato (gruppo disciplinare MSTO02) presso la Scuola Normale Superiore di Pisa dove svolge costante attività didattica e di tutorato per studenti e perfezionandi nell’ambito dei seminari di Storia e storiografia dell’età moderna.
In questi anni ha preso parte anche alle attività didattiche (lezioni, seminari, esami, tesi di laurea, tesi di dottorato) del Dipartimento di storia moderna e contemporanea dell’Università degli Studi di Pisa e del Dipartimento di studi storici e geografici dell’Università di Firenze.
Negli anni accademici 1999-2000 e 2000-2001 ha svolto attività di tutorato per il corso di dottorato diretto dal prof. Denis Crouzet all’Universitè de Paris IV, facendo parte della commissione giudicatrice nella sessione del dicembre 2001.



Campi di ricerca:

Nell’ambito delle proprie ricerche, che si sono indirizzate alla storia culturale, religiosa e politica dell’età moderna nei secoli XV-XVIII con ricerche specifiche nel campo della storia della Toscana Medicea, ha partecipato attivamente ai seminari di storia dell’illuminismo e storia e storiografia dell’età moderna tenuti alla Scuola Normale Superiore di Pisa dal prof. Furio Diaz e dal prof. Mario Rosa. I suoi interessi e campi di ricerca privilegiano gli studi incrociati su fonti archivistiche, iconografiche e letterarie in senso lato (orazioni, trattati, periodici, discorsi accademici, biografie, elogi) con particolare riguardo alle fonti epistolari e familiari, alle memorie private e alle cronache cittadine, alle fonti statutarie (comunali, confraternali, accademiche).
Partendo dagli studi sul Settecento delle riforme lorenesi nel Granducato di Toscana messe a confronto con i coevi e più controversi dibattiti del pensiero illuminista francese, è risalita indietro nel tempo per capire più a fondo in che senso si erano evolute le eredità politiche, sociali e culturali provenienti dal lungo secolo XVII iniziato negli anni Ottanta del Cinquecento quando a Firenze come negli altri antichi stati italiani si formalizzò il modello di governo principesco e cortigiano, mentre si cominciavano ad applicare quasi ovunque le normative della disciplina tridentina. Proseguendo i suoi studi sulla Firenze medicea ha, perciò, approfondito molto lo scavo delle fonti diplomatiche, delle fonti giudiziarie dei tribunali laici ed ecclesiastici, delle filze di cancelleria e delle visite pastorali degli archivi vescovili, delle carte del S. Offizio, delle Nunziature, delle Congregazioni romane del Concilio, dei Vescovi e regolari e dei Riti, del fondo Barberini, dei codici Vaticani latini, sia all’Archivio Segreto Vaticano che alla Biblioteca Apostolica Vaticana, dell’Archivio romano della Compagnia di Gesù, della Biblioteche Angelica e Casanatense di Roma, dell’Ambrosiana di Milano, della Estense di Modena, della Marciana di Venenzia, dell’Archiginnasio di Bologna, della Governativa di Lucca, della Sapienza di Pisa, nonché delle carte private di numerosi archivi familiari e conventuali.
Il filone di queste ricerche mira soprattutto a ricostruire l’evoluzione nel lungo periodo del rapporto tra “vivere civile” ed esperienza religiosa nel contesto urbano di antico regime, dando ampio rilievo ai profili biografici di soggetti storici nuovi o tradizionali, come uomini di legge e letterati di professione, eruditi laici ed ecclesiastici, bibliotecari e giornalisti, “cavalieri filosofi” e “filosofi civili”, padri e madri di famiglia, donne nubili e letterate, libertini e scienziati.
L’attenzione a percorsi diversi di gruppi organizzati, ceti o individui è frutto di una precisa scelta metodologica delle ricerche finora condotte e destinate a chiarire, per quanto possibile, le numerose sfumature che attraversano i processi storici non di rado prigionieri di griglie interpretative troppo rigide fondate sull’uso di categorie formulate a priori. Ambienti, milieux, contesti cittadini o familiari, parabole biografiche e fisionomie di collettività sono, dunque, analizzati di preferenza come interlocutori e allo stesso tempo protagonisti variegati, non necessariamente influenti, ma sempre reali, di ben noti problemi storici che nei secoli dell’età moderna ruotano attorno alle tre grandi internazionali rappresentate dal denaro, dalla nobiltà cortigiana e dai principi europei, dalla Compagnia di Gesù, paladina della Chiesa della Controriforma e protagonista di planetari progetti educativi e catechetici. L’impatto e l’influsso di queste tre realtà sovracittadine da analizzare in rapporto a contesti sociali molto connotati da un punto di vista di identità civiche e familiari consente di individuare modelli interpretativi nuovi e più generali, partendo proprio da un caso rilevante come quello della Firenze dei secoli XVI-XVIII.



Progetti di ricerca

Dal 1990 in poi ha fatto parte di progetti di ricerca del 40% e 60% sull’ Inquisizione, l’Informazione politica nell’Europa moderna, la Storia e bibliografia della pietà popolare in Italia, la Scrittura epistolare femminile in età moderna, la Storia religiosa e storia patria degli antichi stati italiani.

Nell’anno accademico 2004-2005 ha coordinato un Progetto di ricerca finanziato dalla Scuola Normale Superiore di Pisa sul tema: Per una storia sociale del sapere. Maestri e precettori nell’ Europa moderna (secoli XV-XVIII).

Dal 2001 fa parte di un Progetto di ricerca di interesse nazionale (PRIN) coordinato dai proff. Roberto Rusconi e Gabriella Zarri riguardante Le biblioteche degli ordini religiosi nell’Italia del secolo XVI. Nell’ambito di questo progetto è responsabile dell’unita locale della Scuola Normale di Pisa per gli anni 2006-2007. Collaborano al progetto la dott.ssa Rita Bacchiddu (Scuola Normale Superiore di Pisa), la prof. Gianna Del Bono (università di Cremona), il dott. William Turini (Università di Firenze), la dott.ssa Adelisa Malena (Scuola Normale Superiore).

Collaborazioni e convegni

Dal 1995 collabora col prof. Jean Boutier a seminari e convegni dell’ Ecole française di Roma e dell’ École des Hautes Études di Marsiglia.

Dal 1997 collabora col Dipartimento di studi storici e geografici dell’Università di Firenze nell'ambito dei corsi e dei seminari di storia moderna coordinati e diretti dalla prof. Gabriella Zarri.

Ha preso parte con relazioni e comunicazioni a covegni e seminari nazionali e internazionali, a Bologna, Roma, Lecce, Lucca, Firenze, Macerata, Parma, Pavia, Torino, Trento, Leeds, Marseille, Aix-en-Provence, Versailles, Innsbruck.
Nel dicembre 2006 ha organizzato presso la Scuola Normale Superiore di Pisa un Convegno internazionale di studi storici sul tema Saperi a confronto nell’Europa dei secoli XIII-XIX (programma ed abstracts consultabili alla pagina http://saperi-a-confronto.sns.it) i cui atti sono di prossima pubblicazione presso le Edizioni della Normale.
Per l’anno accademico 2007-2008 coordina un Progetto di ricerca finanziato dalla Scuola Normale Superiore di Pisa sul tema Duelli e paci nell’Europa moderna.

Da tempo collabora al Dizionario Biografico degli Italiani.





Associazioni culturali e Redazioni di riviste:

Dal 2004 è membro della SISEM, Società italiana degli storici dell’Età moderna.

Dal 2005 fa parte della redazione della rivista Annali di Storia di Firenze diretta da M. Verga e A. Zorzi e collabora al portale www.storiadifirenze.org

Dal 2007 fa parte del comitato scientifico della rivista “Memorie domenicane”.


Scheda Compilata
il 26/04/2007

Iscritto ML dal 2003

Socio SISEM


Ultimo aggiornamento per la sezione Anagrafe degli Studiosi: 22/10/2018

Responsabile della sezione Anagrafe degli studiosi: Paola Volpini Enrico Valseriati - anagrafe@stmoderna.it

Portale Storia moderna - c/o Dipartimento Tempo, Spazio, Immagine e Società (TeSIS), Università di Verona,
via San Francesco 22, 37129 Verona, e-mail: redazione@stmoderna.it