LINKS

Cromohs


Cyber Review of Modern Historiography, rivista elettronica di storiografia moderna


Giunta storica nazionale


L' organismo nazionale che coordina l'attività degli istituti e degli enti di ricerca storica italiani.


Clioh-world


Nato dall'evoluzione di precedenti progetti (Clioh, Cliohnet, Cliohnet2, Cliohres), è un progetto a lasrga scala realizzato da una rete di centri di ricerca europei della rete ETCS e finalizzato all'innovazione nello studio e nell'insegnamento della storia in Europa


>> Altri Links

<< indietro

Dettagli Aurelio Musi

Dati Personali
Nome e cognome: Aurelio Musi
Luogo nascita: Castelfranci (AV)
Email: musi@unisa.it
Indirizzo di lavoro: Dipartimento di Teoria e Storia delle Istituzioni, via Ponte Don Melillo - 84084 Fisciano (SA)
Posizione lavorativa: professore ordinario

Università
Università degli Studi di SALERNO

Dipartimento
Dipartimento di Teoria e Storia delle Istituzioni



Curriculum
Aurelio Musi è nato nel 1947 a Castelfranci (AV). Nel 1970 si è laureato con lode in Lettere e filosofia svolgendo una tesi su “Cultura e politica a Napoli nella prima metà del Seicento”, relatore il prof. Giuseppe Galasso, correlatore il prof. Pasquale Villani.
Negli anni immediatamente successivi alla laurea, sotto la guida del prof. Galasso, ha svolto ricerche sul pensiero giuridico e politico napoletano del Seicento e sui rapporti tra finanza privata e finanza pubblica. Appartengono a questa prima fase i due saggi su Momenti del dibattito politico a Napoli nella prima metà del Seicento (Napoli 1972) e Finanze e politica nella Napoli del Seicento: Bartolomeo d’Aquino (Napoli 1976). Musi si è quindi dedicato allo studio dei rapporti fra Stato e pubblica amministrazione nell’Europa d’antico regime, pubblicando nel 1979 un lungo saggio storiografico sul tema e l’antologia “Stato e pubblica amministrazione nell’ancien régime”, che ha rappresentato un momento importante nel dibattito internazionale su Stato e assolutismo.
Gli anni successivi hanno visto Musi prevalentemente impegnato nell’attività di ricerca su aspetti e problemi molteplici della storia del Mezzogiorno spagnolo: la storia regionale e locale, con particolare attenzione alla provincia di Principato Citeriore; il rapporto tra la società e i modelli politico-culturali; il ruolo dei mercanti genovesi nel Regno di Napoli; la rivolta di Masaniello.
I libri più importanti prodotti a riguardo sono: La rivolta di Masaniello nella scena politica barocca (Napoli 1989, II ed. Napoli 2002); Mezzogiorno spagnolo: la via napoletana allo Stato moderno (Napoli 1991); Nel sistema imperiale: l’Italia spagnola (Napoli 1994); Mercanti genovesi nel Regno di Napoli (Napoli 1996); L’Italia dei viceré. Integrazione e resistenza nel sistema imperiale spagnolo (Cava 2000).
Musi ha rivolto anche particolare attenzione e sensibilità a problemi di teoria e di metodo della ricerca storica (La storia debole. Per la critica della Nuova Storia, Napoli 1994), sottolineando sempre il valore fondante della ragione storica rispetto a tendenze “deboli” e “minimaliste”.
Ha anche coltivato l’interesse per la didattica e la comunicazione della storia. E’ autore, insieme con Giuseppe Galasso, di manuali di storia per la scuola media inferiore e superiore. E per l’università ha scritto il volume Le vie della modernità (Firenze 2000), giunto ormai alla terza edizione.
Musi ha dedicato ricerche ed analisi anche alla storia contemporanea: in particolare ai processi di cambiamento del sistema politico locale, collegati alla cosiddetta “stagione dei sindaci” (Due sindaci e un cardinale, Napoli 2001), e ai rapporti tra intellettuali e partiti nel dopoguerra italiano attraverso le riviste (Bandiere di carta, Cava 1996).
Dal 1971 al 1974, Musi è stato borsista presso la cattedra di Storia moderna della Facoltà di Lettere dell’Università di Napoli, quindi borsista presso la fondazione “L. Einaudi” di Torino. Prima ricercatore e professore associato, dal 1994 Musi è professore ordinario di Storia moderna presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Salerno, di cui è stato per sei anni preside. Insegna anche Storia dei movimenti e dei partiti politici.
E’ attualmente delegato del Rettore per le attività culturali. E’ coordinatore del Dottorato in “Storia dell’Europa mediterranea dall’antichità all’età contemporanea”, con sede amministrativa preso l’Università della Basilicata, che consorzia nove atenei italiani.
Fa parte del direttivo della Società Napoletana e della Società Salernitana di Storia Patria. Dirige la rivista “Scienze Politiche”. Dirige due collane : “L’identità di Clio” presso le Edizioni Scientifiche Italiane , che ha al suo attivo la pubblicazione di oltre venti volumi, e “Storiografica” presso l’editore Guerini e Associati.
Ha fatto parte di commissioni e gruppi di ricerca nazionali e internazionali. In particolare ha partecipato al progetto della Comunità europea su “The origins of the modern state in Europe”.
E’ socio corrispondente dell’Accademia Pontaniana e della Società Nazionale di Scienze, Lettere ed Arti.
Giornalista pubblicista, ha collaborato a periodici e quotidiani, fra cui “Paese Sera” e “La Voce della Campania”. Dal 1994 è editorialista delle pagine napoletane di “Repubblica”.


Scheda Compilata
il 02/02/2004

Iscritto ML dal 2003

Socio SISEM


Ultimo aggiornamento per la sezione Anagrafe degli Studiosi: 24/06/2021

Responsabile della sezione Anagrafe degli studiosi: - anagrafe@stmoderna.it

CALENDARIO

SET
22
Roma  Polizia e territori nell'Europa napoleonica - Dalla scala locale a quella imperiale
OTT
16
Tarquinia  Stato della Chiesa e Patrimonio di San Pietro in Tuscia - Un territorio e una storia da riscoprire
Portale Storia moderna - c/o Dipartimento Tempo, Spazio, Immagine e Società (TeSIS), Università di Verona,
via San Francesco 22, 37129 Verona, e-mail: redazione@stmoderna.it