LINKS

Cromohs


Cyber Review of Modern Historiography, rivista elettronica di storiografia moderna


Giunta storica nazionale


L' organismo nazionale che coordina l'attività degli istituti e degli enti di ricerca storica italiani.


Clioh-world


Nato dall'evoluzione di precedenti progetti (Clioh, Cliohnet, Cliohnet2, Cliohres), è un progetto a lasrga scala realizzato da una rete di centri di ricerca europei della rete ETCS e finalizzato all'innovazione nello studio e nell'insegnamento della storia in Europa


>> Altri Links

<< indietro

Dettagli tesi dottorato

Nicola Guerra

I volontari italiani nelle SS (The Italian volunteers in the SS troops)

Abstract
Nel presente studio si prende in esame il fenomeno dei volontari italiani nel corpo delle Waffen SS e delle SS Polizei attraverso interviste con i volontari stessi e/o loro famigliari.Le interviste del presente studio, che avrà forma di monografia, saranno svolte sia con volontari italiani ancora in vita che militarono nelle SS sia con famigliari di tali volontari che di essi portano un vivo ricordo. Saranno inclusi come volontari italiani nelle SS persone che militarono nelle seguenti truppe: Waffen SS italiane, Waffen SS tedesche, SS Polizei. Le interviste realizzate per questo studio si basano sull’oral history, raccogliendo personalmente le storie personali dei volontari italiani nelle Waffen SS. Oral history nel presente studio può essere definita un tipo particolare di interviste biografiche in profondità durante le quali il ricercatore trascorre un tempo prolungato con l’intervistato per conoscere in modo estensivo la sua vita o una parte specifica della sua vita, che in questo casa è rappresentata dalla esperienza di volontario nelle SS italiane. La metodologia dell’oral history ci consente di venire a conoscenza delle esperienze di vita delle persone e dei gruppi marginalizzati, come quello dei volontari in esame, che rimarrebbero altrimenti ignote. Il punto di forza dell’oral history consiste nel fatto che con tale metodologia si possono studiare i processi decisionali e collegare essi alle circostanze storiche e sociali. Questa metodologia è stata, infatti, applicata con successo a studi sui veterani di guerra. Oltre alle citate interviste verranno adoperate fonti primarie, che ho avuto modo di reperire e che ancora sto raccogliendo attraverso incontri personali e lunghe corrispondenze con tali volontari, come memoriali di guerra, diari di guerra, fotografie, pubblicazioni effettuate da questi volontari inerenti tematiche politiche e di guerra, lettere private ad amici e famigliari . Le fonti secondarie saranno invece rappresentate dall’apparato bibliografico costituito dalle poche pubblicazioni ed articoli pubblicati in Italia sui volontari italiani nelle SS e da un confronto con fonti bibliografiche internazionali sul fenomeno sia italiano sia europeo. Lo studio si propone di comprendere e descrivere come tali volontari vissero quei travagliati momenti della storia nazionale ma anche le proprie vite individuali. Si tratta cioè di provare, se possibile, a delineare uno o più profili di questi volontari non solo dal punto di vista militare o politico ma anche da quello personale afferente la sfera dei sentimenti, della formazione culturale, delle passioni. Si cercherà di analizzare sia la vita politica sia quella personale di queste persone in modo da poterne delineare un profilo o più profili che siano completi e oggettivi. Accanto alla “macrostoria” esiste un’altra storia di natura più aneddotica e personale che rimane spesso al di fuori da quelli che sono spesso considerati fatti oggettivi della cronaca ed è lì che aleggia in maggior misura il senso dei fatti. Analizzando con l’Oral History lunghi periodi della vita delle persone si possono studiare e comprendere, a patto di adottare un approccio non giudicante e di ascoltatori attivi che si immergono nell’intervista, i fenomeni e le circostanze che sottostanno ai processi decisionali. Si possono cioè comprendere le azioni individuali e la loro narrazione all’interno del contesto sociale e materiale così che l’Oral History può essere adoperata per collegare i microfenomeni ai macrofenomeni e le esperienze personali di vita ai più vasti accadimenti della macrostoria. E’ peculiarità dell’Oral History la capacità di adoperare l’intersezione delle esperienze personali, delle circostanze storiche e del contesto sociale in uno studio storico olistico su argomenti che resterebbero altrimenti non studiati. Ciò che è centrale nella ricerca è comprendere non tanto cosa fecero questi volontari ma chi fossero: quali fossero i loro sentimenti, le loro letture, il loro vissuto, le loro passioni, fino a poter giungere, attraverso le loro storie, a comprendere le ragioni, sia esposte sia interiori, di quella scelta di volontariato.

Dottorato in
Lingua e Cultura italiana



Anno
Tesi in preparazione


Ultimo aggiornamento per la sezione Tesi di Dottorato: 17/02/2018

Responsabile della sezione Tesi di Dottorato: Marica Roda Marina Garbellotti - tesi_dottorato@stmoderna.it

Portale Storia moderna - c/o Dipartimento Tempo, Spazio, Immagine e Società (TeSIS), Università di Verona,
via San Francesco 22, 37129 Verona, e-mail: redazione@stmoderna.it